Testata giornalistica a cura di Alberto Mangano e Giovanni Vigilante
In primo piano L'opinione

Sognare non costa nulla

di Massimo G. Marsico

Ad 8 giornate dalla conclusione della regular season, il Foggia si ritrova all’undicesimo posto a sole 4 lunghezze dalla zona play off.
Partiti per raggiungere, senza affanno, il traguardo della salvezza, Agnelli e compagni – dopo aver annaspato per tutto il girone di andata nelle acque basse della classifica – si ritrovano ora nell’invidiabile condizione di essere vicini all’obiettivo prefissato con la prospettiva di poter centrarne, di slancio, un altro non… preventivato (al più solo sognato).
Allo sprint conclusivo, la squadra rossonera giunge, di fatto, lanciata rispetto alle… nuove rivali (si, perché sino a qualche giorno fa si guardava solo alle spalle, ora – al contrario – si volge lo sguardo soprattutto davanti).
Venezia e Cittadella, ovvero le squadre che al momento occupano gli ultimi due posti disponibile per gli spareggi-promozione, appaiono in frenata: nelle ultime 5 giornate, l’una ha racimolato solo 4 punti, l’altra addirittura solo 2. Nello stesso periodo preso in considerazione, il Foggia ne ha raccolti 9: 2 in più del Carpi (che in classifica sopravanza la squadra di Stroppa di 2 lunghezze) e 3 in più dello Spezia (appena raggiunto a quota 46).
Le prossime due giornate potrebbero rilanciare ulteriormente le azioni rossonere alla borsa del campionato.
Come è noto il Foggia ospiterà l’Ascoli, subito dopo si recherà a Terni. Due sfide contro squadre pericolanti, contro le quali – fin qui – Agnelli e compagni hanno quasi sempre fatto bene. Ipotizzare bottino pieno, non è chiedere troppo.
Al contrario, i prossimi 180 minuti non saranno altrettanto agevoli (sulla carta) per le rivali. Il Venezia andrà a Perugia (squadra capace di vincere ben 7 volte nelle ultime 9 partite) e poi riceverà la Virtus Entella. E il Perugia sarà anche l’avversario del Carpi (tra due turni), dopo che la squadra di Calabro avrà fatto visita al Brescia.
Ancora più difficili i prossimi due impegni del Cittadella che si recherà a Parma prima di ospitare il Palermo. E con una “grande” (il Frosinone) dovrà vedersela pure lo Spezia, sabato prossimo. I liguri saranno, successivamente, attesi dal Brescia.
Insomma, a breve (subito prima del derby) – e con un po’ di fortuna (la concomitanza di altri risultati favorevoli) – il Foggia potrebbe ritrovarsi in piena lotta per i play off. Con l’invidiabile condizione di non aver nulla da perdere.
Chi l’avrebbe mai detto?

Redazione Solofoggia.it

Redazione Solofoggia.it

Articoli correlati