Quotidiano sportivo a cura di Alberto Mangano e Giovanni Vigilante
In primo piano Verso la partita

Cudini: “Abbiamo bisogno di chi vuole lottare”

di Mimmo Attini 
Mister Cudini torna a parlare dopo aver scontato la giornata di squalifica e lo fa nella conferenza stampa di presentazione di Foggia-Catania:
“Mercato in evoluzione ma abbiamo cercato giocatori con le giuste caratteristiche. Non è semplice ma sono contento per quello che stiamo facendo. Stiamo lavorando bene e soprattutto abbiamo cercato di aggiustare una serie di movimenti per avere più solidità. Domani incontriamo la squadra più completa sotto tutti i punti di visti. Hanno ottime individualità e stanno facendo un mercato molto importante.

L’umore dei ragazzi non era al massimo. È stato necessario lavorare sulla testa dei ragazzi. È stato necessario che qualcuno andasse via perché non aveva più stimoli. Comunque in tutti i componenti della rosa,  sia i nuovi che i vecchi, ho trovato grossa disponibilità a mettersi in gioco per centrare l’obiettivo salvezza.
Al presidente ho chiesto i giocatori funzionali per il tipo di gioco che voglio praticare e cioè i 4 3 3. Precedentemente mi sono dovuto adattare alle loro caratteristiche. Le condizioni per un mio rientro in panchina era avere i giocatori giusti per il mio modulo. Ero molto deluso quando sono andato via da Foggia. Probabilmente ho commesso errori ma ora voglio lottare con ogni forza per questi colori, credo in questa piazza. Il Foggia merita un’altra classifica  e dobbiamo fare di tutto per uscire da questa crisi.
Al mercato sono stato partecipe sia adesso ma anche questa estate. Non sempre però è possibile fare i giusti Acquisti per una serie di circostanze che non sono dipese da noi.
Sono contento di avere Ricchetti come secondo, con lui ho un ottimo rapporto. Abbiamo preso ottimi giocatori. Tenkorang può giocare sia a destra che sinistra è un ottimo giocatore offensivo. È una mezzala di inserimento che sa inserirsi bene in area. I nuovi arrivati sono tutti disponibili e anche per Carillo ho ottime sensazioni. Tra i non convocati c’è Di Noia per problemi fisici. Quando sono andato via si è scritto di tutto, addirittura che fosse stato il gruppo ad esonerarmi. Ma non è così. Probabilmente qualcuno non aveva più gli stessi stimoli per dare tutto per questi colori ed era meglio che andasse via.
Non ho alcun sentimento rivalsa nei confronti di nessuno. Dobbiamo solo lavorare e remare tutti dalla stessa parte. Sto cercando di dare serenità ai ragazzi e solo i risultati ci possono aiutare. C’è la giochiamo contro tutti. Dobbiamo migliorare nei dettagli. A Francavilla abbiamo fatto un ottimo secondo tempo ma siamo mancati proprio nei dettagli.
Ai tifosi dico di sostenere i ragazzi. Se vogliamo il bene del Foggia bisogna stare vicino ai ragazzi. È normale che i risultati fanno la differenza ma è necessario fare fronte unico per questo patrimonio, tutti dobbiamo essere uniti. Se analizzo il mio percorso nel periodo precedente, solo a Picerno è venuto meno ogni stimolo che ci ha fatto sprofondare e da lì non siamo più cresciuti. A Caserta abbiamo meritato la sconfitta ma con le altre meritavamo di fare punti. È stata una questione di mancanza di stimoli da parte di qualcuno. Considerate che eravamo la terza miglior difesa. Certamente l’attacco era da migliorare ma adesso con i nuovi arrivi abbiamo qualcosa di diverso ed interessante. La differenza la fa sempre la mentalità e nella partita scorsa siamo stati solo sfortunati. Con i giocatori nuovi e freschi questi stimoli ci devono essere. Gagliano è una prima punta che ho sempre seguito, ha un bel tiro e si sa muovere. Mattia Rolando è un esterno d’attacco mancino con un buon piede e sa saltare l’uomo. Manneh è un giocatore veloce e rapido, sa fare profondità. Ercolano in difesa è duttile ed esplosivo. Millico ha ottime caratteristiche, sa saltare l’uomo, sa fare profondità; è un ottimo acquisto per darci tante soluzioni. L’ultimo giorno ultimo di mercato è sempre particolare. In questa situazione abbiamo necessità di cambiare ed aggiustare. È normale che domani scenderà chi già ha avuto modo di lavorare ma faremo di necessità virtù. Tante volte è capitato di vincere partite con chi è appena arrivato e non conosce ancora bene l’ambiente. Comunque la base della squadra è fatta, valuterò solo alcuni tasselli.”
Print Friendly, PDF & Email
Redazione Solofoggia.it

Redazione Solofoggia.it

Ultimi articoli